Scopri cosa abbiamo in programma a Gennaio!

Blog

Il Bastione di Santa Caterina a Cagliari: gli scavi e le scoperte che potrebbero portare a riscrivere la storia di Castello

di Federica Marrocu Costituisce, probabilmente, uno tra i luoghi più antichi di Cagliari sulla base dei ritrovamenti che ne attestano la frequentazione almeno dall'epoca romana, con la presenza di edifici di culto e un'area cimiteriale. Il Bastione di Santa Caterina, recentemente interessato da restauri finalizzati alla pubblica fruizione, ha restituito preziose scoperte che potrebbero portare a riscrivere la storia del quartiere Castello. Si è svolta qualche mese fa la seconda edizione di "Cagliari si racconta", un appuntamento di grande interesse organizzato dalla società cooperativa Itzokor…

Leggi di più

Il quartiere di Stampace a Cagliari: una città nella città

È il quartiere di Sant’Efisio, degli artisti e dei “cuccurus cottus”: Stampace è da molti considerato come “una citta nella città” per il fatto di rappresentare un variegato microcosmo di cultura e tradizioni fin dalle sue origini. Sorto probabilmente nel XIII secolo ai piedi delle imponenti mura medievali del Castello, ma senz’altro molto più anticamente frequentato, questo pittoresco rione storico è tra i più vivi e partecipati di Cagliari. La breve distanza dalle vie dello shopping e della movida – come ad esempio la via Manno, il Corso Vittorio Emanuele II, la…

Leggi di più

Le “domus de janas”: dimore di fate custodi di antiche arti

Sono strutture sepolcrali a camera scavate interamente nella roccia, a volte in superficie e a volte sotto terra. La fantasia popolare le ha identificate con un nome suggestivo che evoca la presenza di antiche fate dei boschi: sono le “domus de janas”, che in sardo significa “case delle fate”. Le domus de janas sono strutture sepolcrali a camera costituite da vani, talvolta comunicanti, scavate nella roccia, risalenti al periodo compreso tra il VI e il III millennio a.C. caratterizzato dalla cosiddetta “Cultura di Ozieri”. Possono trovarsi…

Leggi di più

I fuochi di San Sebastiano martire in Sardegna

Una tradizione antichissima, che anno dopo anno si rinnova in molti centri dell’isola con i celebri falò in onore di San Sebastiano martire. Meno conosciuti rispetto a quelli del 16-17 Gennaio in onore di Sant’Antonio Abate, i fuochi di San Sebastiano sono diffusi soprattutto nel sud dell’isola. La festa di Sant’Antonio è una delle più conosciute e diffuse nei centri della Sardegna: sono circa una sessantina i paesi che tra il 16 e il 17 gennaio accendono i fuochi rituali per rendere omaggio e festeggiare “Sant’Antoni…

Leggi di più

La cripta di Santa Restituta: tra storia e devozione

di Federica Marrocu Un luogo di culto tra i più antichi della città di Cagliari, ubicato nello storico quartiere di Stampace, tra le chiese di Sant’Efisio e di Santa Restituta, entrambe avvolte da un’aura di intensa devozione popolare. La cripta di Santa Restituta ha una storia lunghissima e molto intensa, caratterizzata da momenti di frequentazione e utilizzo alternati a momenti di totale abbandono. All’ombra della chiesa intitolata al popolare Sant’Efisio, è rannicchiato, nel cuore di Stampace a Cagliari, un antico luogo di culto attorno al…

Leggi di più

La chiesa di Santa Maria di Sibiola: un gioiello d’arte romanica tra le colline del Parteolla

Un gioiello d’arte romanica adagiato tra le fertili campagne di Serdiana, nel cuore del Parteolla, dove la natura, da sempre, è stata abbondante e generosa. È la deliziosa chiesetta di Santa Maria, un tempo parte integrante dell’antico villaggio medievale di Sibiola, oggi scomparso per lasciare il posto a distese di vigneti e oliveti delle più importanti aziende agricole del sud Sardegna. Circondata da colline quasi interamente coltivate a vigneti e oliveti, a tre chilometri dal centro abitato di Serdiana, la piccola chiesa campestre di Santa Maria…

Leggi di più

La Tomba del capo nella necropoli di San’Andrea Priu: un tesoro archeologico nel cuore del Logudoro

di Federica Marrocu Una domus de janas trasformata in chiesa rupestre custodita all’interno di una necropoli di età preistorica ubicata nelle campagne di Bonorva, in un contesto suggestivo e senza tempo che ha mantenuto la sua sacralità attraverso i secoli. Preziosissimi, poiché costituiscono quasi un unicum in Sardegna, gli affreschi che decorano l’interno di questa antica “casa delle fate”. Sul versante settentrionale della catena del Marghine che sbarra trasversalmente il centro della Sardegna, si distende una vasta regione pianeggiante, dominata dal borgo di Bonorva. Poco…

Leggi di più

Realizzato con ♥ da Fare Digital Media